Trustpilot

Carta del Vento

bandiere-del-mondo-logo

negozio bandiere

Utente non loggato

Bandiera Romania

Range di prezzo (4,50886,00).

La bandiera della Romania è un tricolore: blu cobalto, giallo cromo e rosso vermiglio. Acquista adesso il vessillo originale rumeno o romeno.

Bandiera della Romania

Ratio: 2:3
FIAV: [11] A terra e per mare, per tutti.
11

➤ Impiego e utilizzo della bandiera della Romania

Per l’impiego in mare e in terra, usata per tutti gli impieghi.

➤ Il blasone del vessillo rumeno o romeno

Costituita da tre bande verticali di eguale misura di colore blu, giallo e rosso. Il Manuale di Identità Visiva conferma che i colori ufficiali sono blu cobalto (Pantone 280C), giallo cromo (Pantone 116C) e rosso vermiglio (Pantone 186C).

Bandiera della Romania in applicazione

Bandiera della Romania in applicazione

➤ Il significato della bandiera della Romania

La bandiera prende i colori dai simboli ed emblemi delle 2 più importanti e grandi regioni storiche della Romania e che furono il nucleo della nazione dell’odierna Romania:

  1. dalla Valacchia: su campo blu l’aquila gialla;
  2. dalla Moldova (in italiano si può dire anche Moldavia): in campo rosso la testa di uro gialla.

Successivamente anche la terza grande e importante regione storica della Romania si unì, la Transilvania, e i suoi colori casualmente coincidevano con quelli delle altre 2: nella prima metà in alto su campo blu un’aquila nera, poi una linea rossa di separazione dal campo in basso giallo con 7 torri rosse.

La disposizione iniziale era orizzontale e nel 1866 fu scelto specificatamente di usare quella verticale come chiaro riferimento alla bandiera della Francia e alla Rivoluzione Francese.

Per queste sue caratteristiche rientra nel gruppo delle bandiere di livrea e in quello dei tricolori.

➤ Descrizione principale del Tricolore Rumeno

Nel 1848 in Europa ci furono i moti rivoluzionari chiamati la Primavera dei Popoli che infiammarono il continente con anche rivendicazioni nazionalistiche dei vari popoli senza stato. In Romania i Valacchi si ribellarono e innalzarono il tricolore disposto orizzontalmente partendo dall’alto con la sequenza: blu, giallo, rosso. Ciononostante l’Impero della Turchia riuscì a mantenere il suo dominio sotto forma di protettorato sulla Romania.

Due bandiere, una stessa lingua: la bandiera della Moldavia e la bandiera della Romania

Due bandiere, una stessa lingua: la bandiera della Moldavia e la bandiera della Romania

Però, solo nel 1859 come conseguenza della Guerra di Crimea (1853-1856), nacque il primo nucleo di stato indipendente della Romania, chiamato Principati uniti di Valacchia e Moldavia e la bandiera rimase orizzontale ma con la sequenza invertita, cioè rosso, giallo e blu.

Nel 1862 la Romania cambiò nome in Principati uniti Romeni, mantenne invariata la bandiera e il sovrano fu Alexandru Ioan Cuza.

Nel volgere di poco tempo nel 1866 il monarca subì un colpo di stato, fu espulso, la casa regnante divenne quella dei Hohenzollern-Sigmaringen considerata più influente perché collegata con le dinastie regnanti europee, e il sovrano divenne Carlo I che cambiò ancora il nome dello stato facendolo diventare Principato di Romania. La bandiera registrò il cambiamento perché fu modificata: dalla disposizione orizzontale dei colori si passò a quella verticale blu-gialla-rossa come lo è ancora oggi.

Questa bandiera del 1866 era pulita cioè era costituita solo da 3 bande verticali, tuttavia nel periodo comunista dal 13 aprile 1948 al dicembre 1989 al centro trovava casa lo stemma della stato socialista. Nel 1989 in seguito alla caduta del muro di Berlino il blocco sovietico implose e anche in Romania, ci furono proteste di piazza molto forti. Il popolo rivoltoso in strada sventolava la bandiera della Romania con un buco al centro dove era stato asportato lo stemma comunista. Il 21 dicembre 1989 la Romania libera tornò ad utilizzare il tricolore romeno verticale pulito.

C’è da registrare che nel frattempo che la Romania aveva la bandiera stemmata nel suo periodo comunista, lo stato del Ciad nel 1960 ottene l’indipendenza dalla Francia ed alzò il tricolore verticale blu-giallo-rosso. Quando nel 1989 la Romania tornò al suo originario tricolore pulito del 1866, le 2 bandiere non erano percettibilmente distinguibili anche se la tonalità del blu ciadiano era leggermente più scura di quella romena. Il Ciad presentò mozione in sede ONU di far modificare la bandiera romena ciò nonostante la Romania non prese in considerazione la domanda. Non ci furono conseguenze anche perché il Ciad è uno stato senza sbocchi al mare e quindi i suoi navigli non sono confondibili con quelli di altri.

Sempre nel periodo dello sgretolamento del blocco comunista nel 1990 si rese indipendente anche la Moldavia sovietica e come bandiera adottò anche lei il tricolore romeno per dichiarare la loro comune identità e per auspicare una riunificazione con le altre terre romene ma questa storia verrà raccontata nella bandiera della Moldavia.

 

➤ Dati tecnici dello stendardo romeno

La Legge n. 75/1994 specifica che le strisce della bandiera nazionale hanno i colori blu cobalto, giallo cromo e rosso vermiglio. La pubblicazione Album des pavillons nationaux et des marques distintivi (2000) propone di equiparare i colori della bandiera nazionale della Romania alle seguenti tonalità: blu cobalto (Pantone 280C), giallo cromo (Pantone 116C) e rosso vermiglio (Pantone 186C).

➤ Curiosità sul vessillo della Romania

La Costituzione della Romania prevede all’articolo 12, paragrafo 1 che “La bandiera della Romania è tricolore; i colori sono posti verticalmente, nel seguente ordine a partire dalla lancia: blu, giallo, rosso“.

Le proporzioni, le sfumature dei colori nonché il protocollo della bandiera furono stabiliti dalla Legge n. 75 del 16 luglio 1994.

Secondo una leggenda molto diffusa, i colori rosso, giallo e blu sarebbero stati utilizzati fin dall’antichità dai romeni come loro simbolo. Questi colori si ritrovano infatti sugli scudi e gli stemmi di Mihai Viteazul, alias Michele il coraggioso (Signore di Valacchia, 1558-1601) sebbene, fino all’inizio del XIX secolo, non ci fosse la coscienza di formare una nazione vera e propria. Il tricolore come simbolo della nazione rumena apparve solo all’inizio del XIX secolo.

Dal 1992 era in uso anche la bandiera con al centro lo stemma dello stato. Nel 2003 fu indetto un referendum per legalizzarla, ma fu bocciato dal popolo.

 

➤ Bandiere collegate a quella della Romania

  • Francia: la bandiera di ascendenza primigenia.

➤ Bandiere correlate al vessillo della Romania

  • Rivolta dei Valacchi del 1848;
  • Principati Uniti di Valacchia e Moldavia (1859-1862) e Principati Romeni (1862-1866)

Nota Bene

Lavoriamo con una infinità di materiali. Se hai bisogno della classica bandiera da usare in interno o sventolare in qualche occasione, l’ideale potrebbe essere il poliestere leggero (80 gr al mq).
Realizziamo anche bandiere importanti da esterno in stamina di poliestere (155 gr al mq), bandiere da interno eleganti in raso (180 gr al mq), bandiere in cotone bifacciali (260 gr al mq).

Compila il form per richiedere un preventivo.

Abbiamo bandiere per ogni occasione e ogni ambiente. Puoi anche consultare la nostra sezione di bandiere economiche in poliestere leggero in pronta consegna e la sezione bandiere per hotel, misura 100×150 cm in poliestere nautico da 115 gr al mq (in pronta consegna).

My Agile Privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.